Residenza 23
Francesco Picciotti

DIALOGHI / RESIDENZE DELLE ARTI PERFORMATIVE A VILLA MANIN

Villa Manin, Spazio Residenze
16 - 30 novembre 2023
FRANCESCO PICCIOTTI
La baracca contemporanea

SAVE_20201001_212629-1-1024x768.jpg
Artista in Residenza
Francesco Picciotti, regista, burattinaio, autore e costruttore di pupazzi.

Nel corso della residenza artistica Francesco Picciotti procederà ad un'analisi approfondita del testo “Alice nel paese delle meraviglie” di Lewis Carroll, con l’obiettivo di individuare funzioni drammaturgiche e topoi letterari da elaborare attraverso le tecniche del teatro di figura, con particolare attenzione al lavoro in baracca, partendo dalla tradizione del teatro dei burattini. Nella fattispecie si lavorerà sui tessuti e su materiali che ricordino i giocattoli di peluche tanto familiari ai bambini in età prescolare, nel tentativo di renderli mezzi efficaci a raccontare storie e favole complesse e suggestive come quelle scritte per l’infanzia. La finalità è quella di partire dall'esperienza accumulata in anni di lavoro con i burattini per esplorare nuove possibili direzioni da intraprendere, ibridando la classica grammatica della baracca con nuove tecnologie e altre tecniche proprie del teatro di figura. 

Francesco Picciotti è laureato al Dams dell’Università Roma 3 con una tesi/spettacolo dal titolo Brecht’n Puppets. Negli anni dell'università è co-autore e regista di Elettra Riletta, Drei Liter, e altri spettacoli in cui utilizza il teatro di figura, mescolandolo con il teatro più tradizionale, per cercare nuove possibilità di messa in scena. Scrive e dirige il corto teatrale Genesi aperta con cui partecipa a diversi festival e vince il premio per il miglior corto e per la miglior drammaturgia al Festival nazionale In-breve.
Dal 2005 lavora con il teatro dei burattini San Carlino di Roma per cui recita, scrive e dirige alcuni spettacoli tra cui Il flauto magico...di Pulcinella in scena all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Lavora come assistente alla regia e attore per il Teatro delle Apparizioni e con varie compagnie di improvvisazione teatrale.
Idea e costruisce personalmente burattini, marionette e pupazzi con gommapiuma, carta, cartapesta. Ha lavorato con il Teatr Lalek di Breslavia (Polonia). Con Andrea Cosentino porta in scena “Esercizi di Rianimazione” e con Il Nano Egidio la serie teatrale: Nano Egidio una storia vera.
Negli ultimi anni ha scritto, e portato in scena in festival e rassegne in tutta Italia, "Plutone e Proserpina" , "Le mani di Efesto" ( vincitore del premio Otello Sarzi ) e "Officina Prometeo ".

Diaolghi-Slide-1998x1080-2022 AGG residenze artistiche PIEDE.jpg