• darkblurbg

    E' bello vivere liberi!

    Udine | Teatro Palamostre, Sala Pier Paolo Pasolini
    25 Aprile h. 21

Udine | Teatro Palamostre, Sala Pier Paolo Pasolini
25 Aprile h. 21

Intero 20,00 €
Ridotto 17,00 €
Studenti 12,00 €
vai alla biglietteria Contatto

E' bello vivere liberi!

locandina
anno
2009
testo
ispirato a È bello vivere liberi. Ondina Peteani. Una vita tra lotta partigiana, deportazione ed impegno sociale, di Anna Di Gianantonio, IRSML FVG, 2007
regia
ideazione, drammaturgia, regia e interpretazione Marta Cuscunà
scene/luci
costruzione degli oggetti di scena Belinda De Vito
luci e suoni Marco Rogante
produzione
una coproduzione Fies / Operaestate Festival Veneto
Con il sostegno di Comitato Provinciale per la promozione dei valori della Resistenza e della Costituzione repubblicana di Gorizia, A.N.P.I. Comitato Provinciale di Gorizia, A.N.P.I. Sezione di Ronchi dei Legionari, Centro di Aggregazione Giovanile del Comune di Monfalcone, Biblioteca Comunale Sandro Pertini di Ronchi dei Legionari, Comune di San Vito al Tagliamento Assessorato ai beni e alle attività culturali, Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia, Polo di Aggregazione Giovanile Toti del Comune di Trieste, Comitato Permanente Ondina Peteani.
Marta Cuscunà fa parte del progetto Fies Factory

spettacolo vincitore Premio Scenario per Ustica 2009

durata 65’
teatro d’attore, burattini e pupazzi

È bello vivere liberi!
è uno spettacolo per liberare la Resistenza dal “grigiume” della retorica. Per restituire all'idea di antifascismo la luce e l'entusiasmo che la accompagnarono anche nelle situazioni più difficili. Per riappropriarci della gioia, delle risate, delle speranze dei partigiani che sono state soffocate dallo sterile nozionismo. È uno spettacolo per riscoprire l'atmosfera vitale e vertiginosa di quel periodo della nostra storia in cui tutto sembrava possibile. Per questo È bello vivere liberi! è dedicato a tutti quelli che l'antifascismo l'hanno studiato solo sui libri di scuola, perché anche per loro la Resistenza diventi “festa d'aprile!”.

Lo spettacolo ha vinto il Premio Scenario Ustica nel 2009.
La biografia di Ondina mi ha letteralmente entusiasmata, scossa, “accesa”. Ho incontrato una ragazza, poco più giovane di me, incapace di restare a guardare, cosciente e determinata ad agire per cambiare il proprio Paese; con un’intuizione fondamentale: la Donna è una risorsa irrinunciabile per la Pace e la Giustizia. Un esempio di partecipazione attiva, di come ogni singolo individuo può diventare indispensabile per la vita di un intero popolo.
D'altra parte la vicenda di Ondina mi ha permesso di guardare l'incubo dei lager nazisti da un punto di vista particolare: Ondina è stata deportata, umiliata, privata della sua identità e torturata perché lottava per la Libertà e aveva scelto di schierarsi, nonostante tutto.
Avverto l'urgente necessità di raccontare questa storia, oggi, perché “chi è senza memoria è senza futuro” e in Italia molti hanno dimenticato troppo in fretta il significato della Resistenza.
Marta Cuscunà

www.martacuscuna.it/e-bello-vivere-liberi/

Immagini