L'Odissea secondo Tonino Guerra

Il teatrino del Rifo propone la lettura scenica de L’Odissea secondo Tonino Guerra - una favolosa riscrittura del poeta, scrittore, sceneggiatore di tanti film dei fratelli Taviani, di Federico Fellini, Michelangelo Antonioni, Tarkovski, Anghelopulos, recentemente scomparso

locandina
anno
2013
testo
Giorgio Monte e Manuel Buttus
interpreti
Giorgio Monte e Manuel Buttus
produzione
Prospettiva T/Teatrino del Rifo
in coproduzione con CSS Teatro stabile di innovazione del FVG



durata: 60 minuti

L’Odissea secondo Tonino Guerra è una favolosa riscrittura del poeta, scrittore, sceneggiatore di tanti film dei fratelli Taviani, di Federico Fellini, Michelangelo Antonioni, Tarkovski, Angelopoulos, recentemente scomparso. Il teatrino del Rifo si avventura fra le pagine piene di poetica concretezza e di trovate fantastiche e ce ne propone una lettura scenica fedelissima alla parola poetica, con notazioni fiabesche, ironiche ed evocative. Un avvincente reading ispirato a uno dei romanzi epici che sono entrati nella memoria collettiva, in una versione fresca e godibile, adatta a chi l’Odissea l’ha appena studiata e a chi la ricorda a memoria da sempre, nella versione interamente riscritta dalla fantasia di uno dei nostri poeti più ispirati, il grande Tonino Guerra.

Tonino Guerra trasforma l’epica in una elegia intima e asciutta, ingenua e immaginifica, dove le camere delle regge sono di madreperla e gli otri sono d’oro. Penelope asciuga il marito con un panno "come fossero carezze"; Argo, il cane di Ulisse, quando rivede il padrone, «con tutta quella contentezza che gli era arrivata addosso», si sdraia e si addormenta per sempre. La maga Circe dorme coperta di piume, Polifemo è un "bamboccione" con un occhio grande come «"l’orologio di una vecchia stazione"». E Achille, finalmente, chiede perdono a Ettore. «Ho cercato di dare a Ulisse le mie debolezze», spiega. «Io m’incanto ad ascoltare la pioggia e a guardare la neve che cade. Prima, forse, non era così: devo riconoscere che le debolezze che ho regalato a Ulisse si ritrovano nei ragazzi e nelle persone anziane. Per questo penso che il libro sia molto indicato per i giovani, che non hanno più ideali: voglio riavvicinarli alla loro fantasia».

Accompagnato dalla sequenza visiva delle magnifiche tavole ad acquarello disegnate dallo stesso Guerra, il teatrino del Rifo propone una lettura scenica che conserva intatta la poesia e la grande illuminante semplicità del poeta che un noto critico letterario ha definito “l’Omero della terra di Romagna”. Rivivono quindi in questo excursus appassionante fra le pagine del poema, le notazioni fiabesche, quasi ingenue, di questa rilettura suggestiva, sempre ironico ed evocativo, dove le avventure di Ulisse trovano inediti punti di contatto con la personale vicenda umana del poeta.
Seguendo le orme di Ulisse, il poeta romagnolo ripercorre così, alla sua maniera e con magnifica capacità di condensazione e grande, schietta chiarezza, tutti i Canti e gli episodi più salienti di Omero, dall'invenzione del Cavallo di Troia al ritorno in Patria. Con pari maestria e intensità Guerra descrive l’ingenuità dei Troiani nell'accettare il dono dei Greci ma anche scene crudeli come quelle dei Ciclopi. Il viaggio prosegue con Ulisse che affronta tutte le avventure che precedono il suo rientro a Itaca; Polifemo, la maga Circe, i mangiatori di loto, le ombre, il canto delle sirene...

Dopo dieci anni di una guerra che non finiva mai, una bella mattina i Troiani che stavano sempre con la testa penzoloni dalle mura, vedono che le barche greche hanno le vele gonfie per tornare a casa e sulla spiaggia è rimasto un cavallone di legno grande come un palazzo, con delle placche d’oro sulla schiena che parevano fatte di lucciole. “Portiamolo dentro che è un regalo che ci hanno lasciato!”
Dicevano quasi tutti senza sapere che nella pancia del cavallo c’erano Ulisse con dei soldati che stavano zitti come le montagne sotto la neve.

Tonino Guerra, Canto di Ulisse

Tonino Guerra
Classe 1920, poeta e sceneggiatore di fama internazionale, inizia a comporre versi in lingua romagnola durante la prigionia nel campo di concentramento di Troisdorf in Germania. Come sceneggiatore ha collaborato ad oltre 120 film. La sua attività poetica e letteraria è assai vasta e costellata di diversi riconoscimenti, tra i quali il premio ricevuto a Strasburgo nel 2004 come miglior sceneggiatore europeo e nel 2010 il premio David di Donatello alla carriera. Si è spento a marzo 2012 all’età di 92 anni.
www.toninoguerra.org
www.teatrinodelrifo.it

Vi sveliamo che…
Fin dal principio del racconto appare evidente la volontà dell’autore-poeta di dare una precisa collocazione cronologica ad ogni episodio dell’Odissea: scopriamo così che i troiani impiegarono quattro ore e un quarto per trasportare il cavallo fino al tempio, e che i festeggiamenti correlati a tale avvenimento iniziarono alle nove di sera…

Spunti per il lavoro in classe
Create un blog o realizzate assieme un cortometraggio in cui vengono narrate in prima persona o in forma di reportage  le avventure di Ulisse.
Ricostruite come era di fatto la vita quotidiana, gli usi e costumi in voga nell’antica Grecia.

Letture consigliate

L’Odissea secondo Tonino Guerra di Tonino Guerra
Tonino Guerra il sorriso della terra di Rita Giannini
La guidina di Tonino di Rita Giannini
I miti greci di Robert Graves
La sapienza greca. Dioniso, Apollo, Eleusi, Orfeo, Museo, Iperborei, Enigma. Vol. 1, di Giorgio Colli

Visioni consigliate
L’Odissea, sceneggiato televisivo RAI di Franco Rossi, Italia 1968
Amarcord di Federico Fellini, Italia 1974
Al di là delle nuvole di Michelangelo Antonioni, Italia, Francia, Germania, 1995
La notte di San Lorenzo di Vittorio e Paolo Taviani, Italia 1982

Immagini

Tournée

25 ottobre 2012
anteprima per insegnanti TIG Teatro per le nuove generazioni 2012/13
Udine, Teatro S.Giorgio

8 novembre 2012
anteprima per insegnanti TIG Teatro per le nuove generazioni 2012/13
Cervignano del Friuli (UD), Scuola Media Randaccio

dal 18 febbraio al 6 aprile 2013
TIG Teatro per le nuove generazioni 2012/13
Scuole secondarie di I e II grado di Udine, Provincia di Udine e Bassa Friulana

26 giugno 2013, ore 21
TEATRO S.GIORGIO ESTATE
Udine, Teatro S.Giorgio

4 agosto 2013, ore 18
Udine, Centro Commerciale Terminal Nord

6 agosto 2013, ore 21
Perteole di Ruda (UD), via Mazzini presso casa di Ester e Leo Zuccheri