la sede css
news 2019/2020 | Ecole des Maîtres 2020: La parola e il corpo assente – laboratorio di drammaturgia in stato d’eccezione

Ecole des Maîtres 2020: La parola e il corpo assente – laboratorio di drammaturgia in stato d’eccezione

Un’edizione d’eccezione in stato d’eccezione: è un’Ecole anomala ma altrettanto formativa e importante l’Edizione 2020 dell’Ecole des Maîtres che prende il via oggi con il primo della serie di incontri - prima a distanza e, appena possibile, anche in presenza -  fra Davide Carnevali, il maestro-guida di quest’anno, e 8 giovani drammaturghi europei under 35.
A causa dell’emergenza sanitaria, i partner del Corso di perfezionamento teatrale CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia (Italia) CREPA - Centre de Recherche et d’Expérimentation en Pédagogie Artistique (CFWB/Belgio) Teatro Nacional D. Maria II, TAGV - Teatro Académico de Gil Vicente (Portogallo), La Comédie de Reims - Centre Dramatique National, Comédie de Caen -  Centre Dramatique National de Normandie (Francia), con il sostegno di MiBACT, Regione Friuli Venezia Giulia e Fondazione Friuli, hanno infatti ideato una progettualità alternativa alla classica Ecole des Maitres capace di adattarsi a questo nuovo tempo che stiamo vivendo.
La nuova edizione si intitola La parola e il corpo assente ed è un Laboratorio di drammaturgia che coinvolgerà 8 giovani drammaturghi under 35 di Italia, Francia, Belgio e Portogallo (due per ciascun Paese) e si svolgerà a distanza per un anno intero a partire da lunedì 27 luglio 2020.
I giovani drammaturghi europei selezionati sono 8 interessanti autori già in attività e rappresentati in Europa. Si tratta di Francesco Alberici e Liv Ferracchiati (Italia); Brune Bazin e Cecile Hupin (Belgio); Jean D'Amérique e Adèle Gascuel (Francia); Mariana Ferreira e Raquel S. (Portogallo).
La parola e il corpo assente
li coinvolgerà con una interazione permanente in remoto con due incontri online al mese e un incontro in presenza della durata di 3 giorni previsto, compatibilmente con le indicazioni governative in relazione all’emergenza sanitaria, nelle date 16, 17, 18 ottobre 2020 oppure 15, 16, 17 gennaio 2021.  Il lavoro di scrittura e di incontri online con Davide Carnevali proseguirà fino alla data del 14 giugno 2021 quando i giovani drammaturghi consegneranno la stesura definitiva del testo. Tutti i testi prodotti nel corso di quest’anno saranno tradotti in italiano, francese e portoghese e presentati pubblicamente in forma di letture sceniche nei paesi partner del progetto Ecole.
Attualmente artista associato presso ERT Emilia Romagna Teatro e drammaturgo selezionato dalla Royal Shakespeare Company nell’ambito di Projekt Europa 2020, Davide Carnevali insegna drammaturgia e teoria del teatro presso la Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano, la Scuola di Teatro Iolanda Gazzerro di Modena e l’Institut del Teatre de Barcelona. Nel 2018 gli è stato conferito il Premio Hystrio alla Drammaturgia per la sua traiettoria artistica. I suoi testi, tradotti in quindici lingue, sono stati presentati in diversi paesi.

L’edizione di quest’anno si configura come un’eccezione in tempi di eccezione. Per la prima volta nella sua storia, l’Ecole des Maîtres sarà dedicato non a giovani attori, ma a giovani drammaturghi – spiega Carnevali.
“Questo non significa che distoglieremo l’attenzione dalla pratica scenica. Tutt’altro. Cercheremo di cogliere l’occasione per riflettere sul rapporto tra testo e scena, tra scrittura e vita, e lo faremo da un punto di vista differente: quello di chi, per la scena, scrive. Scriveremo a partire da questa doppia presa di coscienza: l’insufficienza del linguaggio davanti alla realtà e il suo enorme potenziale creatore. Scriveremo dunque per il teatro nella sua specificità di fatto materiale; ma lo faremo – e questo è il côté ironico e solo apparentemente paradossale della questione - in uno “stato di eccezione” che ci impedisce proprio la co-presenza fisica: lavoreremo online, dalla distanza. Il nostro compito sarà anche quello di trovare nella drammaturgia una via di fuga alle limitazioni che ci sono imposte dal presente, e dunque un’occasione per reinventarci il futuro”.
Per informazioni www.cssudine.it