la sede css
news 2017/2018 | A Teatro Contatto 36, l’ironica commedia La domanda della regina indaga la crisi economica globale del 2008

A Teatro Contatto 36, l’ironica commedia La domanda della regina indaga la crisi economica globale del 2008

“Why did nobody notice it?” (come mai nessuno si è accorto di tutto questo?) ecco il famoso interrogativo che rivolse la Regina Elisabetta ai membri del gotha della finanza, riuniti alla London School of Economics e che dà il titolo allo spettacolo La domanda della Regina. Perché il crollo della Lehman Brothers del 2008 – che aveva fatto perdere alla Corona 18 milioni di sterline – era stato così imprevedibile e gli esperti non erano risusciti a valutarne il rischio globale?

Economia e instabilità finanziarie del nostro mondo globalizzato, vengono esplorati, dall’ironica commedia La domanda della Regina, in scena per Contatto 36, domenica 4 febbraio ore 19, lunedì 5 febbraio ore 21 al Teatro s. Giorgio di Udine e martedì 6 febbraio al Teatro Pasolini di Cervignano. Al termine dello spettacolo domenica 4 febbraio la Compagnia incontra il pubblico.

La domanda della Regina, produzione della Compagnia del Teatro Stabile del FVG di Trieste, porta in scena il testo inedito scritto a quattro mani da Giuseppe Manfridi uno dei massimi drammaturgi italiani e dal fisico e imprenditore Guido Chiarotti, nome importante e noto nel mondo scientifico. L’incontro fortuito fra i tre personaggi protagonisti in scena da Emanuele Fortunati, Ester Galazzi e Francesco Migliaccio scatena un serrato dialogo intorno alle incertezze del sistema economico e finanziario del Terzo Millenio.

La domanda della Regina, con le scene e i costumi di Andrea Stanisci e le musiche di Antonio Di Pofi, esplora le teorie di Darwin e gli errori dei due grandi economisti americani, Reinardt e Rogoff, al sistema delle vincite al totocalcio, fino agli aneddoti sugli otto individui al mondo che da soli sono più ricchi di metà degli abitanti della terra. Rifletterà sulla borsa di New York e sulla necessità dell’uomo di scommettere: gioco, perdita, debito, colpa, oppure anche vittoria, ricchezza, certezza.

«Di fronte all’incertezza radicale dell’uomo cieco- dichiara il regista Piero Maccarinelli -  che immerso nella folla, affronta il destino, non ci resta che un espediente: consapevoli che il nostro giudizio individuale non vale nulla, cerchiamo di ricorrere al giudizio del mondo che forse è meglio informato. Così si fissa il prezzo di un’azione in borsa o il tasso di interesse: cercando di indovinare la direzione della folla, mentre siamo smarriti in mezzo a quella stessa folla che noi stessi siamo”

L’impossibilità di trovare un rimedio addirittura per la Regina, dovrebbe offrire qualche sollievo l’angoscia di Dario, uno dei protagonisti della commedia che, dopo aver affidato i suoi risparmi ad un consulente finanziario, ha perso tutto. Tormentato da quest’ansia partecipa ad una cena alla fine della qualsiasi si intrattiene con uno dei commensali, un importante professore, cui vorrebbe estorcere qualche buon consiglio in fatto di finanza.

È proprio il professore a raccontargli della Regina, invitandolo ad osservare la situazione secondo un’ottica più oggettiva, in un sistema che va compreso senza confondere fra “complicato e complesso”, senza perdere la freddezza e la chiarezza dell’analisi. L’arrivo di Annalisa, una comune amica, permette il fiorire di esemplificazioni e citazioni da un lato, e dall’altro crea un dialogo dagli sviluppi imprevisti.

Informazioni e prevendite biglietteria Contatto: Udine, Teatro Palamostre, dal martedì al sabato, ore 17.30 – 19.30, t. 0432506925 – biglietteria@cssudine.it. Online sul circuito vivaticket.it - www.cssudine.it.

Informazioni e prevendite biglietteria, Teatro Pasolini,: Cervignano, piazza Indipendenza 34, con i seguenti orari di apertura: martedì, mercoledì, venerdì ore 16.00 – 18.00/ giovedì e sabato ore 10.00 – 12.00 - tel. +39 0431 370273 biglietteria@teatropasolini.it 
info@teatropasolini.itwww.teatropasolini.it