• darkblurbg

    La guerra dei Roses

    Cervignano | Teatro Pasolini
    5 febbraio 2019 ore  21:00

Cervignano | Teatro Pasolini
5 febbraio 2019 ore  21:00

Intero 15,00 €
Ridotto 12,00 €
Under 26 e Studenti 8,00 €
vai alla biglietteria Pasolini

La guerra dei Roses

locandina
anno
2019
testo
Warren Adler
traduzione A. Brancati e E. Luttmann
regia
Filippo Dini
interpreti
Ambra Angiolini e Matteo Cremon
e con Massimo Cagnina e Emanuela Guaiana
scene/luci
scenografie Laura Benzi
luci Pasquale Mari
musiche
Arturo Annecchino
e...
costumi Alessandro Lai

La guerra dei Roses è prima di tutto il titolo di un romanzo del 1981 e poi, otto anni più tardi, diventa un enorme successo cinematografico con protagonisti Michael Douglas e Kathleen Turner.  L’autore del romanzo, Warren Adler, scrive anche il soggetto del film e in seguito deciderà di adattare questa vicenda anche per il teatro, creando una commedia straordinaria, raffinata e caotica al tempo stesso, comica e crudele, ridicola e folle.

Lo spettacolo si focalizza sulla lenta e terribile separazione tra due coniugi: lui ricco e ambizioso uomo d’affari, lei una moglie obbediente, ma mai dimessa, che lo ha accompagnato nella sua brillante ascesa, con amore e  stima profonda. Ma presto questo idillio si rompe, si infrange contro lo scoglio della mancata realizzazione professionale di lei, e quell’amore incondizionato, la passione e complicità si trasformano in una guerra aperta fra acerrimi nemici, in un crescendo di cattiveria, rabbia e reciproche atrocità, fino alle estreme conseguenze.

La commedia di Adler ci pone di fronte ad una delle più potenti e straordinarie deflagrazione umane: la separazione di un uomo e una donna che hanno condiviso un grande amore.
Il signor Rose e la signora Rose e i loro doppi, che interpretano i loro rispettivi avvocati e altri personaggi nei quali si imbattono i protagonisti, come in un sogno che non avrà un lieto fine, ci divertiranno fino alle lacrime per la loro comicità e ci turberanno nel profondo, poiché sveleranno in modo più o meno consapevole i nostri intimi fallimenti nel comprendere l’”altro”, l’opposto, all’interno di noi stessi
”.
Filippo Dini

Immagini