• darkblurbg

    Progetto Labirinti 2.0: Il labirinto di Orfeo + Il labirinto di Orfeo VR

    Udine | Teatro Palamostre, Sala Carmelo Bene
    Dal 5 novembre all'8 dicembre
    Acquista il biglietto

Udine | Teatro Palamostre, Sala Carmelo Bene
Dal 5 novembre all'8 dicembre

Intero 10,00 €, Ridotto 7,00 €, Studenti 5,00 €
Il labirinto di Orfeo + Il labirinto di Orfeo in VR
Intero 15,00 €, Ridotto 11,00 €, Studenti 8,00 €
vai alla biglietteria Contatto
acquista biglietto su vivaticket

Progetto Labirinti 2.0: Il labirinto di Orfeo + Il labirinto di Orfeo VR

locandina
anno
2019
testo
da un progetto di Alessio Boni, Pietro Faiella, Luigi Lo Cascio e Sandra Toffolatti
messa in scena Rita Maffei
interpreti
Manuel Buttus, Ada Delogu, Natalie Norma Fella, Klaus Martini e Nicoletta Oscuro
e i partecipanti al laboratorio di teatro sensoriale: Mario Bodini, Ilaria Borghese, Sabrina Cappellaro, Elisa Cattarinussi, Emanuela Colombino, Manuela Daniel, Laura Ercoli, Marta Ecoretti, Antonietta Ermacora, Cecilia Fabris, Daniela Fattori, Massimo Franceschet, Gianna Gorza, Elisa Mansi, Arianna Marzolini, Donatella Mazzone, Samuele Mergan, Emanuela Moro, Marta Parpinel, Maria Grazia Pizzutti, Martina Puzzoli, Enrico Regattin, Arianna Romano, Susanna Tomasin, Jacopo Tornaboni, Hava Toska, Claudia Traina, Sevin Anna Trantino, Rebecca Trevisano, Federica Visentin, Enea Zancanaro
scene/luci
allestimento scenografico Luigina Tusini
e...
assistente Ada Delogu
direzione creativa, sviluppo applicazione VR Alessandro Passoni
VR artist Saul Clemente
produzione
CSS Teatro stabile di innovazione del FVG ⁄ Virtew


IL LABIRINTO DI ORFEO
Teatro Contatto
Udine, Teatro Palamostre, Sala Carmelo Bene
5–10 novembre ore 19→21
13–20 novembre, ore 19→21
21 novembre ore 18→20
22, 24, 26, 28, 30 novembre ore 19→21
1 dicembre ore 17→19
3-8 dicembre ore 19→21
Tutti i lunedì e i giorni 12, 23, 27 novembre, riposo.

IL LABIRINTO DI ORFEO IN VIRTUAL REALITY
Teatro Contatto
Udine, Teatro Palamostre
5–30 novembre ore 21→23
1 dicembre ore 19→21
3–8 dicembre ore 21→23
lunedì riposo

Venticinque minuti per diventare Orfeo. Per essere e sentire come lui. E non essere più solo spettatore.
Il labirinto di Orfeo è stato uno spettacolo che ha cambiato la storia di Contatto, 25 anni fa. In molti lo ricorderanno: una straordinaria esperienza di teatro site specific, sensuale e terribile, liberatoria e potente. Per un unico spettatore. A chi vi si avventura oggi (nel Labirinto entra 1 spettatore ogni 5 minuti), chiediamo di affidarsi alle cure di incontrerà, nel buio, nella penombra, fra suoni e profumi, parole sussurrate e contatti ravvicinati, per scoprire come in sogno la bellezza di Euridice.
Un labirinto “rimasterizzato” con 5 nuovi interpreti e 31 partecipanti volontari e che raddoppia in una versione tutta in realtà virtuale.

Il labirinto di Orfeo VR è un’esperienza che affianca quella dal vivo del Labirinto di Orfeo grazie all’impiego della tecnologia di realtà virtuale. Ogni spettatore indosserà un visore VR e potrà immergersi nelle visioni fantasy sviluppate dai VR artist del team creativo udinese di Virtew.

ISTRUZIONI PER PARTECIPARE
Il labirinto di Orfeo è uno spettacolo per uno spettatore, su appuntamento. E’ quindi necessario prenotare la propria partecipazione.
DURATA: 25 minuti
INGRESSO SPETTATORI: uno ogni 5 minuti
Durante il labirinto di Orfeo, lo spettatore sarà invitato a togliersi le calzature e durante lo spettacolo verrà bendato.
Durante Il Labirinto di Orfeo VR lo spettatore indosserà un visore di realtà virtuale.

Hanno scritto:
(...) Udito, tatto, olfatto, gusto sono i veri protagonisti di questo percorso dove la vista non è più padrona, sia per la scelta del buio come sfondo del racconto, sia per l’effetto, a un certo punto, di una benda sugli occhi, che alimenta un intimo rapporto di fiducia fra il visitatore e le sue guide. A piedi scalzi, incerto sulla strada da seguire, egli deve affidare sé stesso a un piccolo gioco di spostamenti che lo spingerà ad ascoltare il narrare lieve di fanciulle vestite di bianco, o a percepire gli aromi di essenze odorose diffusi in piccole stanze foderate di veli. Lasciarsi andare, lasciarsi guidare, è il segreto per affrontare l’avventura del Labirinto, delle sue voci narranti, delle sue sorprese (ce ne sono molte, ed è bene non rivelarle) e per uscirne toccati dalla leggera euforia che un’esperienza nuova e coinvolgente porta sempre con sé (...).
Roberto Canziani, Il Piccolo, 12 maggio 1995

 

Immagini

Tournée

5 novembre - 8 dicembre 2019
Teatro Contatto 38
Udine, Teatro Palamostre, Sala Carmelo Bene