Residenza 11 - Francesco Collavino

DIALOGHI / RESIDENZE DELLE ARTI PERFORMATIVE A VILLA MANIN

Residenza 11
Villa Manin, Spazio Residenze
FRANCESCO COLLAVINO (ITALIA)
4 - 25 febbraio 2019
CALL ME WHEN YOU'RE HOME

25 febbraio ore 20
Villa Manin, Spazio Residenze
Residenza aperta al pubblico
Dialoghi / Residenza 11
Francesco Collavino
Call me when you’re home
ingresso libero, prenotazione consigliata tel. 0432 504765, residenzevillamanin@cssudine.it

collavino stelle.jpg

Equipe in Residenza
Francesco Collavino
, performer e coreografo, Michela Cotterchio, performer, Giulia Tosi, musicista, Mario Benassai, consulente scientifico

MISSION
Questo progetto di ricerca coreografica nasce dal mio incontro con lo scienziato e astrofisico Mario Benassai / https://www.altecspace.it/persona/mario-benassai
L’intento è quello di sperimentare in prima persona le tipologie di addestramento che gli astronauti affrontano in preparazione al volo e al soggiorno spaziale.
Indagheremo quelli che sono i principi che possono essere tradotti in ambito coreografico, nutrendoci dell’immaginario estetico e poetico delle esplorazioni nel cosmo.

COUNTDOWN
Il sistema sperimentale, così come definito dallo studioso Hans-Jörg Rheinberger, combina aspetti locali, tecnici, strumentali, istituzionali, sociali ed epistemici. Questo per essere efficace dovrebbe essere stabile e riproducibile, ma anche variabile e non prevedibile, così da permettere di produrre risultati utili e talvolta inaspettati.
Come la teoria di Rheinberger può portare spunti alla riflessione sulla ricerca artistica?
In quale modo il nostro impegno nella sperimentazione può ampliare i nostri valori artistici e produrre nuova conoscenza?

LANCIO
Le prime task si baseranno sullo studio delle forze alle quali gli astronauti sono sottoposti come la gravità e l’assenza di peso, le dinamiche orbitali, le vibrazioni, l’assenza di ossigeno, le accelerazioni, ecc. Per poi interrogarci sul senso dell’esplorazione, di scoperta, del distacco, sul significato di ricerca dell’altro e di noi stessi.
A livello coreografico immagino due interpreti, la cui unica relazione è quella che si viene a creare tra i loro corpi sospesi in uno spazio comune. Vorrei provare a impostare il lavoro come fossero due soli distinti, ma che nel movimento possano realizzarsi in un’opera d’insieme.

Il titolo è una frase detta alle soglie di un distacco, è una formula di protezione, è una dichiarazione d’amore che ci accompagna per tutto il viaggio.
Tra di noi c’è l’ignoto, uno spazio aperto alle più gelide domande. C’è la paura della perdita e l’entusiasmo della scoperta nel semplice desiderio di infinito.
Francesco Collavino

Francesco Collavino nasce a Udine nel 1987 e nel 2006 si diploma in Immagine Fotografia Filmica e Televisiva presso l’Istituto Statale d’Arte a Udine. Nel 2007 è ammesso al corso per allievi attori presso l’Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe. Nel 2011 ottiene il Diplôme d’Etudes Chorégraphiques e il Prix all’unanimità presso il Conservatorio di Parigi in Danza Contemporanea concludendo l’anno seguente il suo Cycle d’Orientament Professional.
Nel 2012 fonda Ba.Bau.Corp. www.babaucorp.com
Nel corso degli anni si forma con Hofesh Shechter Company, Ultima Vez, Jasmin Vardimon Company, Iztok Kovac, Carolyn Carlson, Peeping Tom, Christine Gouzelis, Mate Meszaros, Germán Jauregui, Rakesh Sukesh e collaborando tra gli altri con Iris Erez, Arkadi Zaides, Abbondanza/Bertoni, Bruce Myers e con Giovanni di Cicco al Teatro Carlo Felice di Genova. Nel 2017 è selezionato come coreografo residente da Workspace Ricerca X presso le Lavanderie a Vapore di Torino con “Catastrofe” che ottiene il sostegno del CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia e di KOMM TANZ della Compagnia Abbondanza/ Bertoni. Vincitore di MOVIN’UP SPETTACOLO 2017 – PERFORMING ARTS viene invitato al Carreau du Temple di Parigi e a ottobre 2018 al Festival Fragment. A dicembre debutta in prima nazionale all’interno di Teatro Contatto a Udine.
L’anno scorso presenta la prima parte di “JEI” : creazione di danza contemporanea per 5 cestisti, per il progetto Dialoghi/ progetto di residenze delle arti performative a Villa Manin curato dal CSS.

CSS Teatro stabile di innovazione del FVG
T. +39 0432 504765 info@cssudine.it

Immagini