Residenza 2 - Claudius Lünstedt /
Giuliano Scarpinato

DIALOGHI / RESIDENZE DELLE ARTI PERFORMATIVE A VILLA MANIN

Residenza 2
Villa Manin, Spazio Residenze
CLAUDIUS LÜNSTEDT / GIULIANO SCARPINATO
28 settembre - 12 ottobre
Guerrieri in gelatina

claudius.JPG
ph_Luigina Tusini_particolare tratto da Vite nei campi

Residenza aperta al pubblico

venerdì 12 ottobre ore 20
Villa Manin di Passariano, Spazio Residenze
ingresso libero, prenotazione consigliata t.+39 0432 504765, residenzevillamanin@cssudine.it

Equipe artistica: 
drammaturgo Claudius Lünstedt
regia Giuliano Scarpinato
con Michele Degirolamo, Federico Brugnone, Giulia Rupi
in collaborazione con Fabulamundi Playwriting Europe
tutor Luisa Schiratti, co-direttore artistico CSS

Claudius Lünstedt è un drammaturgo tedesco selezionato dal network Fabulamundi Playwriting Europe, un progetto di cooperazione che vede coinvolti teatri, festival e organizzazioni culturali, con lo scopo di sostenere, promuovere e divulgare la drammaturgia contemporanea in Europa.
Dialoghi invita Claudius Lünstedt a mettere alla prova in Italia uno dei suoi testi più recenti, Guerrieri in gelatina, grazie alla traduzione curata per Fabulamundi da Sonia Antinori e all’incontro a Dialoghi _ Residenze per le arti performative fra il drammaturgo, il regista Giuliano Scarpinato e tre attori - Michele Degirolamo, Federico Brugnone, Giulia Rupi.  Durante la Residenza a Villa Manin questa equipe lavorerà assieme sul testo per una sua possibile prima mise en espace italiana.
 
Guerrieri in gelatina è la storia di tre giovani uniti da un micidiale e incondizionato desiderio di realizzazione, tre monologhi che, al contempo, si completano e si contraddicono a vicenda, fino a condensarsi in un caso criminale. Con un linguaggio potente e frammentario, Guerrieri in gelatina s’insinua, esaminandoli, nei pensieri e nelle azioni dei suoi personaggi, Mervin, Martin e Katrin, fino ad un finale inaspettato. Il racconto è caratterizzato da una scrittura intima che non contempla dialoghi, se non quelli che ciascuno dei tre protagonisti ha con il proprio mondo interiore e una struttura drammaturgica aperta e multi-prospettica, senza segni di punteggiatura e con frasi che sembrano inghiottite da un flusso di coscienza continuo. Guerrieri in gelatina interroga il dramma del presente a partire dalle sue stesse formule narrative e mette al centro della sua indagine la solitudine esistenziale, l’isolamento autoinflitto, l’impossibilità di comunicare con gli altri.

Claudius Lünstedt è nato a Monaco. Ha conseguito il diploma di drammaturgo presso l'Università di Musica e Teatro "Felix Mendelssohn Bartholdy" di Lipsia. Laurea in D.E.T.S. (regia, drammaturgia, scenografia) presso l'Università di Parigi III Sorbonne Nouvelle, è specializzato in scrittura teatrale presso la bayrische Theaterakademie di München sotto la direzione di Tankred Dorst. I Oltre a insegnare all'Università delle Arti di Berlino per il corso di scrittura teatrale, Claudius Lünstedt insegna anche all'Istituto di studi teatrali della Freie Universität di Berlino. Inoltre, lavora come consulente per l'International Forum of New Cinema alla Berlinale e traduce opere teatrali dal francese.
Dal 2003 sono state pubblicate e rappresentate più di due dozzine di opere teatrali, pubblicate dalla casa editrice Verlag der Autoren (Frankfurt/Main). Sono state rappresentate prime delle sue opere a Vienna, Berlino, Norimberga e Dresda. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui il premio Else-Lasker-Schüler, il Premio Lenz della città di Jena, il Premio Niederländisch-Deutscher Jugenddramatik e il Golden Mask Award per il libretto "San Francesco", che ha debuttato al Teatro Bolshoi di Mosca nel 2012.

CSS Teatro stabile di innovazione del FVG
T. +39 0432 504765 info@cssudine.it