Residenza 14 - Rima Najdi

DIALOGHI / RESIDENZE DELLE ARTI PERFORMATIVE A VILLA MANIN
un progetto
CSS Teatro stabile di innovazione del FVG
ERPaC Ente Regionale per il Patrimonio Culturale del FVG
con il contributo di
Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Residenza 14
RIMA NAJDI
Think much. Cry much
6-11 aprile 2017_ prima parte
21-24 luglio 2017_ seconda parte
Villa Manin, Spazio Residenze

23 luglio 2017, ore 21.00
Residenza aperta al pubblico_seconda parte
Villa Manin di Passariano, Parco della Villa
RIMA NAJDI
Think much. Cry much
(ingresso libero con prenotazione obbligatoria, capienza massima 50 spettatori: info@cssudine.it; t.0432.504765)


RIMA NAJDI
Think much. Cry much
ideazione e realizzazione Rima Najdi
drammaturgia Nadine Vollmer
musica Kathy Alberici
graphic design Maria Kassab

Residenza artistica condivisa fra Dialoghi Residenze per le arti performative a Villa Manin e Centrale Fies in collaborazione con Spielart Festival (DE), Saal Biennale (EE), Bunker (SL), Baltic Circle International Theatre Festival (FI)


Rima Najdi
è una performer libanese attualmente attiva a Berlino. Pratica trasversalmente diverse discipline artistiche, dal video, alla performance al design.

Le sue motivazioni artistiche partono dalla curiosità di ricercare ciò che accade in spazi intermedi come quei territori che esistono tra il sé e l'altro,  realtà e finzione, fisicità ed emozione. Una ricerca che si concentra su un atto, una dichiarazione, una foto, un’opera d'arte che possa mettere in discussione questioni come gli stereotipi, l'identità, il sesso, il fallimento del linguaggio, i confini e le sue rappresentazioni. Najdi si è diplomata a Beirut e ha studiato a New York. 

Per il progetto Dialoghi svilupperà una tappa della sua ricerca sui “confini”, dal titolo The road to the inside, un’indagine sul ruolo, lo status e la funzione del corpo nei percorsi di attraversamento delle frontiere. 

Najdi esplorerà i confini dell’Unione Europea, studierà le leggi che regolano i flussi migratori, le dinamiche e gli scenari attuali. Si concentrerà sui protocolli di frontiera, la generazione di soggetti dichiarati illegali, la relazione fra persone e spazi.

Quale sarà il futuro delle frontiere? 

Con questo progetto, Najdi vuole creare installazioni sonore che invitino un gruppo di 50 spettatori a partecipare a una performance pre-coreografata per loro, ascoltando una serie di indicazioni in cuffia. Le istruzioni sono una sorta di “radio dramma” che simula le pratiche da affrontare quando si attraversa una frontiera.

Per realizzare l’installazione, Rima Najdi sta raccogliendo una serie di interviste e storie di migranti e studiando la pratiche applicate dagli uffici di frontiera di un aeroporto europeo. 

Durante la Residenza, Najdi riattraverserà tutti questi materiali e ricerche per la costruzione di una drammaturgia e la registrazione delle installazioni sonore.


CSS Teatro stabile di innovazione del FVG
T. +39 0432 504765 info@cssudine.it
ERPaC Ente Regionale per il Patrimonio Culturale del FVG
T. +39 0432 821211 info@villamanin.itwww.villamanin.it

Immagini

script execution time: 0,033107995986938