Lachrymae (semper dolens!)

Cosa succede quando la statua di una piccola Madonna inizia a parlare? Lachrymae è un rosario laico di umane sofferenze confidate alla Madre delle madri.

locandina
anno
1999
testo
progetto drammaturgico e regia Rita Maffei e Fabiano Fantini
interpreti
Rita Maffei e Fabiano Fantini
scene/luci
disegno luci Alberto Bevilacqua
musiche
musiche tratte da Benjamin Britten, Giovanni Battista Pergolesi, Banda Ionica, Giuseppe Di Capua, Fringes
produzione
CSS Teatro stabile di innovazione del FVG

Lachrymae (semper dolens!) è un racconto profano di cose sacre.Sacre come le lacrime di una piccola Madonna custodita da un vecchio sacrestano di una chiesetta sperduta nella campagna del Nordest. Sacre come le sue parole, la sua testimonianza di dolori, di storie di donne violate, sfruttate, prevaricate. E che conservano la loro immanente sacralità anche quando si intrecciano in un dialogo surreale, a volte anche grottesco, con l'ingenua semplicità del suo più devoto fedele, Cosimo, capofila di un insolito pellegrinaggio, di una processione popolare che attraversa i secoli per raccontare tante storie al femminile.Lachrymae (semper dolens!) è un nuovo racconto teatrale di Rita Maffei e Fabiano Fantini, dopo lavori come L'assenza, un'ombra nel cuore, Tracce di un sacrificio - il mito di Alcesti in un campo di sterminio, Tutto per amore - frammenti sul mistero di Antonio e Cleopatra, in cui i due artisti del Centro si sono messi alla prova non solo come attori, ma anche come autori e registi.All'origine di Lachrymae (semper dolens!) la voglia di raccontare una storia che ha radici lontane: in pieno Seicento, in un'Italia dominata dagli spagnoli, una bella statua di Madonna viene donata dal Viceré ad un nobile napoletano. Dopo aver trascorso 250 anni nella chiesetta della Maddalena sulla costa campana, viene trasferita da un discendente del nobile, ufficiale della Grande Guerra, in un paesino del Triveneto, come santa protezione per il suo plotone. Dopo la morte dell'ufficiale durante il conflitto ritroveremo, ai giorni nostri, la statua della Madonna ancora nel paesino del Nord, custodita da Cosimo, un ingenuo e premuroso sacrestano."La favola della Beata Signora delle Lacrime - spiegano Rita Maffei e Fabiano Fantini -  inizia qui: la statua prende vita e confessa a Cosimo il sacrestano il desiderio di tornare al Sud. Dai dialoghi surreali di Cosimo e della Madonna si ricostruisce la vicenda, attraversata continuamente da "amarcord" della nostra infanzia, quando si andava "al cine" e si soffiava sulle candeline, quando si cantava in processione  e si preparavano i dolci di Natale. Abbiamo immaginato Lachrymae (semper dolens!) come un luogo dove si incrociano e si sorridono i dialetti di un Nord e di un Sud, suoni di mondi diversi e voci di poeti, emersi dai nostri ricordi: le madri di Pasolini, la Morante, l'angelo dell'Annunciazione di Rilke, la chiesa abbandonata di Garcia Lorca.

Immagini

Tournée

prima nazionale

14 dicembre 1999
Udine, Teatro Zanon

tournée

13 novembre 2001

Venezia, Teatro S. Marta
30 novembre 2001
Camino al Tagliamento (UD), Teatro Comunale
dal 4 al 10 febbraio 2002
Roma, Teatro Furio Camillo
15 giugno 2002
Festival Colle Umberto va a Teatro
Colle Umberto (VI), Villa Verecondi Scortecci
16 luglio 2002
Festival Odissea
Romanengo (CR), Piazza del Comune
26 luglio 2002
Fagagna (UD), Cjaese Cocèl
30 luglio 2002
Festival Internazionale del Teatro da Camera Leone d'Oro
Umago (Croazia)
8 settembre 2002
Benevento, Teatro Mulino Pacifico
21 marzo 2003
Bevagna (PG), Teatro Comunale Torti
1 aprile 2003
Potenza, Teatro Francesco Stabile
4 aprile 2003
Cervignano (UD), Teatro Pasolini
9 giugno 2004, ore 21.30
Festival Tra cielo e terra
Montone (PG), Piazza della Rocca di Braccio

script execution time: 0,013636827468872