la sede css
news 2017/2018 | Dal 10 maggio riapre Ufficio ricordi smarriti: progetto di teatro partecipato del Collettivo N46°-E13°

Dal 10 maggio riapre Ufficio ricordi smarriti: progetto di teatro partecipato del Collettivo N46°-E13°

Ufficio ricordi smarriti: un ultimo ‘episodio epilogo’ in scena per 3 settimane – 10,11,12 maggio, 17,18,19 maggio e 24,25,26 maggio dalle 19 alle 21 al Teatro Palamostre di Udine – conclude il serial di teatro partecipato del Collettivo N46°-E13°, il progetto creato dalla regista Rita Maffei e prodotto dal CSS per Teatro Contatto 36. Per quest’ultimo episodio, il pubblico potrà visitare in forma più libera l’Ufficio ricordi smarriti ed entrare a suo piacere nelle due ore di apertura dalle 19 alle 21. La Sala Carmelo Bene ospiterà fino a 50 persone alla volta, fra partecipanti e spettatori. 6 mesi di sold out, da novembre 2017 a maggio 2018, hanno visto la partecipazione di 1200 spettatori (1 spettatore ogni 4 minuti, per un percorso individuale) e 840 ore di spettacolo, per l’appuntamento fisso settimanale con i 7 episodi sul tempo (ispirati a L’ordine del tempo del fisico Carlo Rovelli) con protagonisti 35 cittadini udinesi, nello spazio scenico ‘abitabile’ della Sala Carmelo Bene del Palamostre completamente trasformato dalle installazioni scenografiche di Luigina Tusini.


Ufficio ricordi smarriti:  l’ultimo episodio della serie conclude – al Teatro Palamostre di Udine  dal 10 al 26 maggio -  il serial di arte partecipata  del  Collettivo N46°-E13° , il progetto creato  dalla regista Rita Maffei e prodotto dal CSS per Teatro Contatto 36.

Per tre settimane l’Ufficio ricordi smarriti riapre quindi per l’ultima volta lo “spazio abitabile” della Sala Carmelo Bene e per l’occasione cambia formato trasformandosi in una serie di “episodi epilogo” che coinvolgeranno tutti i 35 partecipanti del Collettivo e cambieranno ogni sera.

Le serate aperte al pubblico sono in programma il 10,11,12 maggio, 17,18,19 maggio e 24,25,26 maggio, nelle ormai “collaudate” giornate fisse di giovedì, venerdì e sabato.  Per quest’ultimo episodio il pubblico potrà entrare a suo piacere nelle due ore di apertura, dalle 19 alle 21, e visitare in forma libera l’Ufficio ricordi smarriti, dove incontrerà ogni sera 10-15 “interpreti” e le loro storie e performance, in formazioni ogni sera diverse. (prevendite: Teatro Palamostre, dal martedì al sabato, ore 17.30-19.30; biglietteria@cssudine.it; tel. 0432.506925).

Teatro immersivo, arte partecipata, esperienza ravvicinata. Sono tutte possibili definizioni per questo progetto che per molti spettatori è stato un appuntamento da collezionare, puntata dopo puntata, e che da 6 mesi registra un costante sold out.

E basta sfogliare le decine di pagine del grande diario che ha raccolto i commenti e le impressioni a caldo lasciate dagli spettatori al termine di ogni episodio, per capire qual è stato “l’effetto Ufficio ricordi smarriti”. Potente, emozionante, commovente. Un bagno nei ricordi e nella memoria, che è riuscito ad accompagnare ogni spettatore una sua personale ricerca del senso profondo del Tempo nelle nostre vite. 

Ufficio ricordi smarriti è una produzione CSS teatro stabile di innovazione del FVG, ideata e diretta da Rita Maffei per il Collettivo N46à -E13°, laboratorio permanente di cittadini che ha scelto di chiamarsi proprio con le coordinate geografiche di Udine.

Con il suo appuntamento fisso di 3 giorni alla settimana, Ufficio ricordi smarriti ha attraversato l’intera stagione di Teatro Contatto 36 presentando ogni settimana uno dei 7 episodi del ciclo, da novembre 2017 a maggio 2018, per un totale di 63 serate di repliche.

Gli spettatori che hanno varcato le porte dell’Ufficio ricordi smarriti - - ne entrava  uno, da solo, ogni 4 minuti – si sono scoperti destinatari di una rappresentazione che li ha accolti, messi a proprio agio e accompagnati in un percorso di forte relazione con gli interpreti e gli spazi. Un vero viaggio sul tema del Tempo, nato  a partire dalle pagine di un libro – L’ordine del Tempo del fisico Carlo Rovelli, ma con molti innesti, citazioni e esperienza anche autobiografiche.

Ogni partecipante ha costruito una storia, mentre ogni episodio si è composto di 10 storie, per un totale di 60 racconti nei 6 episodi, che hanno preso vita nei 300 mq di spazio scenico ideato e realizzato da Luigina Tusini.  Un intervento, quello dell’artista e scenografa udinese, che ha trasformato la Sala Carmelo Bene del Palamostre in un luogo da visitare, da attraversare, pieno di spazi e piccole stanze in cui le storie sono state  “ambientate” in micro allestimenti personalizzati per le persone che li hanno “abitati.

Con il suo narrare su piccola scala, sempre sottovoce e intimo, il serial teatrale ha registrato un record anche il numero di repliche: 1200 repliche (da 4 minuti ciascuna) per altrettanti spettatori e un totale di 840 ore di spettacolo

I 35 partecipanti del Collettivo N46-E13 sono: Josephina Balaguer, Valter Bertuzzi, Ilaria Borghese, Serena Bruno, Bruno Chiaranti, Emanuela Colombino, Manuela Daniel, Ada Delogu, Laura Ercoli, Antonietta Ermacora, Daniela Fattori, Massimo Franceschet, Tiziana Franzolini, Mariantonietta Giffoni, Gianna Gorza, Loris Indri, Milica Jamovic, Lara Lagomarsino, Ornella Luppi, Donatella Mazzone, Fedra Modesto, Emanuela Moro, Laura Nazzi, Silvia Palmano, Emanuela Pilosio, Dania Rizzardi, Luisa Schiratti, Ilenia Spallino, Anna Spironelli, Andrea Tami, Valentina Toffoletti, Hava Toska, Pilar Vila Piqueras, Federica Visentin e Enea Zancanaro, il più giovane interprete, di 13 anni.