la sede css
news 2017/2018 | Retroscena atomici

Retroscena atomici

RETROSCENA ATOMICI

Convegni, teatro, incontri, film, giochi attorno allo spettacolo Copenaghen
16 ottobre – 24 novembre 2017
 

un progetto ideato e promosso per la Stagione Teatro Contatto 36 da
CSS Teatro stabile di innovazione del FVG
Università degli Studi di Udine
TID/Tavolo dell’Innovazione Didattica
con la consulenza scientifica di 
prof. Marisa Michelini
, presidente GIREP, direttore GEO, delegata del Rettore
dell’Università di Udine all’Innovazione Didattica
con il sostegno di 
MiBACT Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Comune di Udine
Fondazione Friuli
Dialoghi_Residenze delle arti performative a Villa Manin

in collaborazione con
FIT Fondazione Internazionale Trieste per il Progresso e la Liberta delle Scienze
ESOF 2020 Trieste Capitale Europea della Scienza
GEO Giovani Educazione Orientamento Consorzio Interuniversitario 
URDF Unita di Ricerca in Didattica della Fisica
Progetto IDIFO6 Piano Lauree scientifiche
DIUM—Dipartimento di Studi umanistici e del Patrimonio culturale
CIRD Centro Interdipartimentale di Ricerca didattica
Ambito 8 Scuole secondarie superiori Udine
e con
Ludoteca del Comune di Udine
Archivio Italiano dei Giochi
Ludobus
 

RETROSCENA ATOMICI è il progetto ideato dal CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia e dall’Università degli studi di Udine per la Stagione Teatro Contatto 36 e, in particolare, strutturato per accompagnare con un ampio progetto collaterale su scienza, etica e società il nuovo debutto dello spettacolo Copenaghen di Michael Frayn.

A diciotto anni dalla prima versione italiana, prodotta dal CSS di Udine, un eccezionale riallestimento inaugura, dal 15 al 19 novembre, la Stagione Contatto 36 del CSS: Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice ricompongono il magistrale trio di attori protagonista di Copenaghen, l’avvincente dramma storico–scientifico sulla ricerca atomica del commediografo britannico Michael Frayn, e grazie a una nuova co-produzione con il Teatro Nazionale di Roma, lo riportano in scena in un nuovo tour, in tutta Italia, da ottobre 2017 a maggio 2018. 

Tre grandi interpreti del teatro italiano si ritrovano al centro di un inquietante processo a porte chiuse, nel disegno drammatico di un serratissimo faccia a faccia: Copenaghen è una disputa etica e scientifica a tre voci, densa di riflessioni e interrogativi alla vigilia del primo devastante uso della bomba atomica.

La vicenda, ambientata nel 1941 proprio nella capitale nordeuropea, ricostruisce l'incontro, fra due scienziati, entrambi Premi Nobel per la Fisica, Niels Bohr e Werner Heisenberg. Due ex compagni di ricerche costretti dalla guerra a guardarsi come due nemici. E ancora oggi, quando gli spiriti di Bohr, di Heinseberg, e di Margrethe, la moglie di Bohr, tornano a rivivere i moneti cruciali di quella notte fatale, molti degli interrogativi di allora sembrano restare irrisolti, “indeterminati” come l’omonimo principio fisico che lo stesso Heinseberg enunciò per primo. Perché Heinseberg, il fisico che diresse le ricerche tedesche per la bomba atomica, si recò a Copenaghen per incontrare il suo mentore, il fisico Niels Bohr, un ebreo danese, cittadino scomodo in una Copenaghen occupata dai nazisti?

Lo spettacolo sarà in scena al Teatro Palamostre il 15, 17, 18 novembre alle ore 21 e in due pomeridiane, pensate anche per gli studenti, il 16 novembre alle ore 17 e domenica 19 novembre alle ore 18 e viene accompagnato da RETROSCENA ATOMICI, un articolato progetto con convegni, incontri, spettacoli, film, giochi scientifici aperti alla partecipazione del pubblico.

Il progetto si inaugura lunedì 16 ottobre con un doppio Convegno: Copenaghen: fisica del Novecento in una società in guerra pensato per due grandi gruppi: gli studenti universitari ed i docenti di ogni ordine e grado al pomeriggio e , in particolare, per gli studenti delle Scuole secondarie superiori nella mattinata, dalle ore 9 alle ore 13 in due sedi al Palamostre e all’Auditorium Zanon, per accogliere tutte le numerose richieste già pervenute. Il Convegno del pomeriggio si terrà al Palamostre, alle ore 17 e sarà aperto al pubblico, con un programma strutturato per approfondire i molteplici aspetti culturali, storici, socio-politici ed etici innescati dalla rivoluzione scientifica del Novecento e riflettere sul ruolo e l’autonomia degli scienziati.

L’obiettivo della giornata di studi, ideata e coordinata dalla professoressa Marisa Michelini, Delegata del Rettore dell’Università di Udine all’Innovazione Didattica, è di avviare con autorevoli esperti una riflessione sui problemi culturali, etici, filosofici, sociali, sul ruolo degli scienziati e sul programma scientifico che produrrà la bomba atomica per ulteriori approfondimenti nella scuola e nell’università per favorire quella formazione trasversale che si basa su approfondimenti culturali e che è considerata la sfida nella formazione dei giovani oggi. 

Inaugureranno il Convegno i saluti di Furio Honsell, Sindaco del Comune di Udine, di Alberto Felice De Toni, Magnifico Rettore dell’Università di Udine, e di Alberto Bevilacqua Presidente del CSS. Apriranno i lavori la professoressa Nadia Robotti, studiosa di storia della fisica di fama internazionale, vincitrice del Premio Internazionale Le Muse 2017, professore ordinario presso l’Università di Genova con Il contributo di Bohr ed Heinseberg alla fisica atomica e il professor emerito di fisica teorica dell’Università di Roma La Sapienza, impegnato a livello internazionale in ricerche di particelle elementari, teoria quantistica dei campi e sistemi complessi, Francesco Guerra con Heinsenberg e gli sviluppi della fisica nucleare, il sociologo Andrea Messeri dell’Università di Siena, autorevole componente del Comitato Scientifico GEO, che interverrà con riflessioni su Scienza e società: vincoli e legami. Inoltre porteranno il loro contributo i filosofi e storici dell’Università di Udine Simone Furlani con Il nazismo e il periodo storico e Paolo Bussotti con Aspetti etici della scienza. A seguire il filosofo Stefano Stefanel (Dirigente del Liceo scientifico Marinelli di Udine) affronterà il tema Conoscenza ed errore: la fisica tra nazismo, comunismo e democrazia americana e chiuderà Alberto Bevilacqua, presidente e co-direttore artistico del CSS, con L’opera teatrale Copenaghen. 

Al termine del Convegno, sempre il 16 ottobre al Teatro Palamostre alle ore 20.30, è in programma la proiezione del film Nessuno mi troverà in cui il regista Egidio Eronico ricostruisce la misteriosa scomparsa di uno dei maggiori fisici teorici del Novecento, Ettore Majorana. La visione sarà introdotta dai consulenti scientifici alla realizzazione del film, i fisici Francesco Guerra e Nadia Robotti.

La sparizione di Majorana, quasi ottant’anni fa, non smette di produrre quesiti, dubbi, ricerche, mentre le sue intuizioni e i suoi lavori scientifici sono oggi più attuali di quando furono pubblicati. Grazie all’ibridazione di generi e mezzi diversi e lungo la scia tracciata dalle approfondite ricerche degli studiosi Guerra e Robotti, attraverso documenti originali, immagini d’archivio, testimonianze e animazioni da grapich novel, il film scandaglia senza reticenze quel mare di mistero chiamato Ettore Majorana. 

RETROSCENA ATOMICI prevede un altro importante momento di approfondimento venerdì 20 ottobre alle ore 20.30 al Teatro Palamostre con il filosofo, matematico ed epistemologo prof. Giulio Giorello, ordinario di Filosofia della scienza all’Università Statale di Milano, in un Dialogo attorno a Copenaghen fra scienza ed etica con il matematico professor Furio Honsell e con il fisico professor Stefano Fantoni, Presidente della Fondazione Internazionale Trieste. Coordinerà l’incontro la giornalista Simona Regina. 

RETROSCENA ATOMICI farà tappa anche a Trieste, la Capitale europea della scienza 2020.

Giovedì 16 novembre alle ore 11 alla Centrale Idrodinamica del Porto Vecchio è atteso l’incontro Etica atomica_Due Nobel, la fisica in guerra, la scienza a teatro, promosso dalla Fondazione Internazionale Trieste, promotrice di ESOF2020 Trieste. Interverranno alla Tavola rotonda, l’attore protagonista di Copenaghen Umberto Orsini, il Presidente CSS Alberto Bevilacqua, la professoressa Cristina Benussi ordinaria di Letteratura italiana contemporanea all’Università di Trieste, il professor Bruno Della Vedova, Vice Presidente FIT, la professoressa Marisa Michelini Presidente GIREP, e il professor associato Paolo Quazzolo di Storia del Teatro all’Università di Trieste. Coordinerà l’incontro il professore Stefano Fantoni, Presidente FIT Federazione Internazionale Trieste per il Progresso e la Libertà delle Scienze. 

Si torna a Teatro a Udine con le giornate di replica di quello che è ormai considerato uno spettacolo cult del teatro italiano, Copenaghen che, dal 1999 al 2010, ha raggiunto il record di 234 repliche. Nel 2018 arriveranno a quota 373, al termine di una tournée lunga l’intera stagione e che toccherà moltissime città e teatri italiani.
Gli attori protagonisti Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice incontreranno il pubblico venerdì 17 novembre alle ore 18 al Teatro Palamostre per il ciclo di incontri di Contatto 36. 

Grazie alla collaborazione con la Ludoteca del Comune di Udine, RETROSCENA ATOMICI apre le porte del Palamostre ai giochi scientifici rivolti a tutti i curiosi. Dal 15 al 19 novembre dalle ore 17.30 alle 19.30 nel foyer del Palamostre, Si gioca a Quantum Race, una corsa di pazze automobili che possono passare attraverso i muri e trovarsi contemporaneamente in più luoghi, un gioco veloce e immediato per divertirsi con le imprevedibili regole della meccanica quantistica.
Sabato 18 novembre alle ore 18 Fabio Chiarello, ideatore del gioco e ricercatore dell'Istituto di Fotonica e Nanotecnologie del CNR, condurrà una partita dimostrativa.

Domenica 19 novembre dalle 16.30 alle 18 al Palamostre, Si gioca a Wing of Glory con l’autore e giornalista Andrea Angiolino.
Wing of Glory è un gioco di simulazione, progettato per giocatori dagli 8 anni in su, in cui accurati modellini in scala "volano" sul tavolo, consentendo ai giocatori di rivivere i duelli e le missioni aeree della prima e della seconda guerra mondiale.
Il gioco è stato tradotto in una quindicina di lingue.

E sempre in tema di giochi scientifici, dal 23 ottobre al 4 novembre, l’Istituto superiore Stringher di Udine, ospita la mostra GEI Giochi Esperimenti Idee, ideata e a cura del CLDF Centro Laboratorio per la Didattica della Fisica del CIRD Centro Interdipartimentale di Ricerca Didattica dell’Università di Udine.

Sulle domande cruciali che hanno segnato tutta la storia della scienza si sofferma L’universo è un materasso e le stelle un lenzuolo della Compagnia del Sole, spettacolo ospite della Stagione ContattoTIG del CSS, dedicata al Teatro per le nuove generazione in matinée per le scuole (23 e 24 novembre al Teatro Palamostre).
Lo spettacolo, diretto dal regista Flavio Albanese e scritto dal drammaturgo Francesco Nicolini, racconta ad un giovane pubblico, dagli 11 ai 15 anni, la storia affascinante del Tempo, dal mito alla meccanica quantistica.
Il racconto è diviso in quattro capitoli da quando il Tempo non esisteva ancora, al tempo di Aristotele e Tolomeo quando la realtà era ciò che il buon senso e l’occhio umano potevano cogliere e comprendere, alla rivoluzione copernicana, fino ai Quanti, l’epoca in cui l’uomo ha cominciato a comprendere che non solo le cose non sono come sembrano, ma probabilmente tutto è solo illusione. Tutto questo raccontato con occhi pieni di meraviglia da un protagonista diretto di tutta la storia: Crono. L’universo è un materasso è in visione riservata alle scuole di primo e secondo grado, le iscrizioni sono aperte al CSS.

L’ingresso agli incontri, convegni, incontri, proiezioni attorno allo spettacolo è gratuito.

Per l’ingresso agli spettacoli Copenaghen e L’Universo è un materasso informazione e prevendita alla biglietteria del Palamostre o sul sito www.cssudine.it
Info: +39 0432 504765- 506925; biglietteria@cssudine.it

script execution time: 0,010158061981201